Passa ai contenuti principali

About Cristina

Italiana di nascita e parigina d'adozione, dal 2010 al 2016 ho diretto a Bergamo il mio atelier di abiti da sposa d'alta moda. Un lussuoso salotto per spose chic, dove ho fuso lo stile cosmopolita della haute couture internazionale con la tradizione sartoriale made in Italy. Grazie a questo concept e alle spose che lo hanno condiviso, ho ottenuto importanti riconoscimenti aziendali all'interno del mercato italiano. Dopo sei anni di lavoro alla direzione artistica dell'atelier ho colto l'opportunità di trasferirmi a Parigi, dove sono stata scelta per dirigere la più importante boutique di una storica griffe francese di abiti da sposa. Oggi scrivo e collaboro per riviste e portali del settore matrimonio, moda sposa e lifestyle, con l'idea di fondere lo stile del saper vivere italiano all'allure dell'eleganza parigina. Dal 2017 Spose & Stile è quindi diventato un fashion bridal blog per spose chic, un salotto virtuale dove racconto la mia nuova avventura in Francia. Per ricevere tutte le news via email, iscriviti al blog!

Featured Post

I migliori abiti da sposa della Bridal Week 2018 di New York

Si è appena conclusa la New York Bridal Fashion Week, dove hanno sfilato le collezioni sposa 2018. Importanti volumi, trasparenti sirene e pizzi romantici sono stati protagonisti. Ma per la prossima stagione si fanno spazio anche delle nuove tendenze, fra cui l’abito maschile. Dedicato a chi anche in quel giorno vorrebbe indossare un paio di pantaloni. Una scelta stilistica dal sapore androgino, che non toglie nulla alla femminilità. Ma vediamo le proposte dei principali stilisti.

Vera Wang
Fotografata nel suggestivo contesto parigino del jardin du Luxembourg, la nuova collezione Vera Wang bridal 2018propone un moderno romanticismo dai toni lievemente dark, che fonde il tradizionale gusto statunitense con le caratteristiche della tradizione francese, come la ripresa dei corsetti e l'uso del pizzo Chantilly.
Lein 
Meredith Stoecklein presenta in questa importante Bridal Week, la nuova collezione Lein 2018. Un mix di abiti da sposa lunghi e corti, tailleur e combinaisons. Una moltitu…

Pranzo di nozze: la disposizione dei tavoli

pranzo di nozze e matrimonio chic, le regole della sposa fashion
Nel ricevimento del vostro matrimonio, sarà fondamentale l'attenzione dedicata alla disposizione degli invitati in sala. 
Per quanto riguarda le posizioni d'onore, l'assegnazione dei posti a tavola è vincolata da alcune semplici regole, che nei ricevimenti meno formali cedono il posto ad alcuni accorgimenti dettati da criteri di affinità.

Sarà importantissimo che una persona di fiducia, si occupi di presentare le persone che non si conoscono e se possibile di aiutare chi ha poca dimestichezza con il tableau de mariage, a trovare il proprio posto in sala, rapidamente e senza errori. 
Per galateo e buona educazione, nessun invitato deve sedersi ad un tavolo diverso da quello assegnatoli o contestare le posizioni stabilite dagli sposi, ne tantomeno lasciare la sala a pranzo non concluso e andarsene salutando i festeggiati prima del taglio della torta nuziale... Il matrimonio è un giorno programmato con mesi di anticipo e una normale organizzazione logistica delle agende private dovrebbe evitare sovrapposizioni di altri impegni. Chi conferma la propria presenza all'evento deve, con piacere e consapevolezza, adattarsi al programma previsto dai festeggiati.
Quando ideate l’allestimento del ricevimento tenete conto degli ospiti e della stagione. La cena in piedi è consigliata per matrimoni informali con una forte presenza di giovani, ma non per celebrazioni formali o dove ci potrebbe essere un alto numero di persone anziane. La tradizione vorrebbe un unico grande tavolo a ferro di cavallo o una tavolata unica lineare dove la sposa siede al centro del lato più corto con lo sposo alla sua sinistra ed il padre di lui a destra; accanto al marito siede la madre della sposa, quindi i testimoni, un uomo accanto alla madre della sposa ed una donna accanto al padre dello sposo e di seguito il tradizionale alternarsi di signora-signore.
Se gli invitati sono numerosi oppure se per opportunità si decide per una sistemazione degli ospiti con più tavoli da 6, 8, 10 o 12 posti, si deve comunque provvedere ad un tavolo d'onore tondo o rettangolare dove prenderanno posto gli sposi con i genitori, i testimoni, l'officiante ed eventualmente i nonni, o un tavolo più intimo solo per gli sposi, ai quali lati verranno posti i tavoli d'onore con le persone e i famigliari più importanti. Gli altri tavoli vengono disposti di fronte a quello degli Sposi e verranno occupati da gruppi di invitati selezionati per affinità, conoscenza e per età. Le coppie di ospiti sposati possono sedersi separate, mentre le coppie fidanzate vanno fatte sedere rigorosamente vicine. I segnaposto, per i più formali in carta e caratteri coordinati alle partecipazioni, riportano scritto a mano il nome dell'invitato, ma questa usanza sta lasciando spazio ad un più semplice e meno formale segnaposto privo di nominativo, che in abbinamento al cavaliere de mariage, identificherà benissimo il tavolo mentre la posizione degli invitati nello stesso sarà autonomamente gestita dagli ospiti. Nel caso si scelga la tavolata unica acqua, vini e bevande dovranno essere servite sempre e solo dai camerieri e le bottiglie non dovranno mai essere lasciate in tavola, mentre in caso si scelga di organizzare la sala con tavoli separati, sarà possibile lasciare l'acqua a disposizione degli invitati. La tempistica per il momento del placé è di primaria importanza.  L’ideale è un aperitivo prolongé della durata di un’ora, seguito da un pranzo o una cena di due ore e un dopo pasto di un’ora al massimo.
Sono da evitare composizioni con fiori o candele troppo profumate, che possano quindi disturbare l'olfatto, uno dei sensi più importanti a tavola e creare spiacevoli episodi di allergie. Sconsigliati sono anche i centrotavola troppo imponenti, che ostruiscono la visuale degli invitati. Per quanto riguarda colori del tovagliato, cristalleria, posate e quant'altro, sarete liberissimi di scegliere un tema che faccia da filo conduttore estetico del vostro evento o semplicemente una coerenza cromatica che sappia esprimere al meglio la vostra personalità e la vostro gusto.