Passa ai contenuti principali

About Cristina

Italiana di nascita e parigina d'adozione, dal 2010 al 2016 ho diretto a Bergamo il mio atelier di abiti da sposa d'alta moda. Un lussuoso salotto per spose chic, dove ho fuso lo stile cosmopolita della haute couture internazionale con la tradizione sartoriale made in Italy. Grazie a questo concept e alle spose che lo hanno condiviso, ho ottenuto importanti riconoscimenti aziendali all'interno del mercato italiano. Dopo sei anni di lavoro alla direzione artistica dell'atelier ho colto l'opportunità di trasferirmi a Parigi, dove sono stata scelta per dirigere la più importante boutique di una storica griffe francese di abiti da sposa. Oggi scrivo e collaboro per riviste e portali del settore matrimonio, moda sposa e lifestyle, con l'idea di fondere lo stile del saper vivere italiano all'allure dell'eleganza parigina. Dal 2017 Spose & Stile è quindi diventato un fashion bridal blog per spose chic, un salotto virtuale dove racconto la mia nuova avventura in Francia. Per ricevere tutte le news via email, iscriviti al blog!

In primo piano

Matrimonio chic a Parigi? Ecco cosa fare per sposarsi nella romantica ville lumière

Se sognate di sposarvi all'ombra della Tour Eiffel, pranzare in uno dei lussuosi hotel fra Rue de Rivoli e Place Vendôme, immortalare il vostro giorno più bello nelle romantiche vie di Montmartre e infine privatizzare un bateau per un party-croisière sulla Senna, dovrete prima occuparvi delle questioni amministrative... Ecco quindi cosa fare per scambiarsi gli anelli e celebrare le nozze in una fra le città più fashion e chic del mondo.

Addio al nubilato: un importante rito di passaggio



Tradizionale e divertente, avventurosa e stravagante, piena di sorprese e trasgressiva, rilassante e intima: di qualsiasi tipo sia, la festa di addio al nubilato o al celibato è certamente un importante rito di passaggio, a cui i futuri sposi non possono assolutamente sottrarsi. 
Fonte di divertimento per chi lo organizza, ma a volte di stress per chi lo subisce, questa ricorrenza è una festa organizzata da parte degli amici più stretti dei promessi e malcapitati sposi, dove è d'obbligo la presenza di buon cibo, risate e tante piccole 'tentazioni' o situazioni imbarazzanti a cui i futuri moglie e marito vengono sottoposti.
Questa festa, modernamente intesa, affonda le proprie radici in Inghilterra, dove i rampolli dell'alta società erano soliti trascorrere una serata in compagnia dedita ai 'piaceri', poco prima di sposarsi. In passato, l'addio al celibato era riservato solo ai promessi sposi. 
Oggi invece è diventata una tradizione diffusa anche tra le donne, per le quali questa notte, birichina e allegra, ma mai volgare, è diventata un vero e proprio evento, un momento personale e dedicato, una pausa dalla tensione della pianificazione delle nozze.
È curioso sapere che, se andiamo indietro nel tempo, incontriamo una storia singolare che potrebbe testimoniare l'antica versione originale di questa tradizione. Si narra che in passato si organizzassero delle celebrazioni per collaborare ad accrescere la dote delle coppie meno abbienti. Secondo le testimonianze, un uomo di origini tedesche senza alcuna risorsa, vedeva ostacolate le sue intenzioni di sposare la sua amata dal padre di lei, che probabilmente sognava un futuro libero da preoccupazioni finanziarie per la figlia. I due innamorati sfidarono la volontà paterna a tal punto, che fu negato loro l'accesso alla dote. Allora gli amici della coppia si unirono per regalare ai due tutto ciò di cui una famiglia necessita e che da soli non avrebbero mai potuto permettersi.
Quale che sia la sua origine, questo giocoso rito è a tal punto penetrato nelle maglie della nostra cultura che ora è una tappa fondamentale che una coppia deve percorrere prima di raggiungere il tanto sospirato e indimenticabile giorno delle nozze.