L'intimo della Sposa


Nell'immaginario collettivo la sposa indossa sotto l'abito della lingerie molto sexy, magari ricamata con pizzi e trasparenze. 

Bene la realtà si discosta quasi sempre da questo. L'intimo della sposa deve rendere impeccabile la linea del vestito, dovrà essere funzionale e confortevole, lasciando grande libertà di movimento: reggiseno, mutandine o body dovranno essere assolutamente lisci, privi di cuciture evidenti, per non segnare l'abito.
Inoltre, sarà lasciato poco spazio ai colori, persino al bianco, che potrebbe essere più “acceso” di quello del vestito e quindi evidente: da privilegiare il color carne, l'effetto nudo, assolutamente invisibile. Poichè la scollatura del vestito da sposa è uno dei punti sui quali concentrarsi nella scelta dell'abito stesso, soprattutto per decoltè abbondanti e generosi, che si vuole che l'abito valorizzi, ilreggiseno dovrà essere imbottito e sostenente. Da prediligere in questi casi balconcini con ferretto, che sostengono il seno anche in assenza di bretelline: molto spesso le sarte scelgono di cucire tali reggiseni all'interno del bustino del vestito, possibilmente steccato. È questo il motivo per cui gli atelier chiedono di portare sin dalle prime prove il reggiseno che si indosserà il giorno del matrimonio.
Le mutandine dovranno essere morbide, prive di elastici che potrebbero evidenziare antiestetici “bozzetti” sui fianchi: da prediligere quindi tessuti come seta o microfibra. Gli slip dovranno inoltre essere lisci, avvolgenti e, nel caso di abiti da sposa scivolati e aderenti, sgambati, per lasciare liberi glutei e fianchi. A queste regole si potrà fare eccezione nel caso si indossino gonne molto ampie e coprenti, con le quali ci si potra concedere qualche ricamo o trasparenza.
Per quanto riguarda le calze, l'etichetta suggerisce di indossarle sempre, velate e finissime, il più vicine possibile al colore dell'abito. Si dovrebbero portare anche in presenza di sandali, invisibili e senza cuciture. Per le spose d'inverno, le calze potranno essere più pesanti, ma comunque non coprenti.
 Le calze autoreggenti o con reggicalze, più sensuali e provocanti, saranno da preferire con abiti che segnano la vita, con i quali i collant potrebbero essere evidenti. Un suggerimento: chiedete sempre ad una cara amica di portare un paio di calze di ricambio per voi, per evitare qualsiasi inconveniente. 
La giarrettiera si potrà indossare solo in presenza di gonne ampie. Il nostro consiglio è quello di acquistare lingerie diversa per la prima notte di nozze, piu sexy ed accattivante, da portare dopo aver tolto il vestito: per questa ci si potrà sbizzarrire con body, guepiere e baby doll.